Un pensiero …

a cura di Massimiliano Pierni - AD Assetwork s.r.l.


Lo diceva già Eraclito nel V sec. a.C. “non c’è nulla di più inesorabile del cambiamento!”

Invero, quando si parla di complessità applicata alle organizzazioni, la metafora solitamente evocata è quella del cambiamento, della trasformazione e dell’innovazione.

Studiare oggi il cambiamento, significa riuscire a comprendere le componenti dinamiche dei fenomeni organizzativi, con l’obiettivo di rivitalizzare la struttura e lo sviluppo aziendale, le strategie, gli stili manageriali, il lavoro in team, ma anche il modo con cui vengono ideati, realizzati e commercializzati nuovi prodotti e servizi.

Il periodo di crisi che stiamo vivendo coinvolge la società così come le aziende ma, se ben governato, può inaspettatamente rivelarsi fecondo di innovazione e creatività, permettendo così quei cambiamenti di paradigma necessari all’introduzione di nuovi approcci, modelli e strumenti organizzativi.